login ok png

registrati ok png

Una proteina in grado di accrescere la tolleranza delle piante alla carenza di ossigeno, evitando così la distruzione dei raccolti nel caso di alluvioni o allagamenti.
È questa l’importante scoperta effettuata da un gruppo di ricercatori italiani della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), che hanno da poco presentato i risultati sulla rivista Nature Plants.

Nel caso di elevata piovosità o eventi climatici estremi, il terreno saturo d’acqua favorisce uno stato di carenza di ossigeno della pianta – o ipossia – che ne causa la morte. Questo fenomeno si è particolarmente intensificato negli ultimi anni, in cui i fenomeni meteorologici intensi e inattesi hanno causato frequenti danni all’agricoltura.

La nuova ricerca italiana ha identificato una proteina chiave – chiamata HRU1 – in grado di migliorare l’adattamento delle piante alla carenza di ossigeno, che consente quindi alla pianta di sopravvivere più a lungo in condizioni di sommersione. La ricerca – a cui hanno preso parte Elena Loreti del CNR e Francesco Cardarelli del Center for Nanotechnology Innovation dell’IIT, sotto il coordinamento di Pierdomenico Perata della Scuola Superiore Sant’Anna – potrebbe aprire nuove prospettive in ambito agricolo e ha già portato allo sviluppo di varietà di riso in grado di resistere più a lungo all’eccesso di acqua.

Fonte: Scuola Superiore Sant’Anna - Pisa

Data pubblicazione: 15/10/2015

Link al sito: http://www.sssup.it/news.jsp?ID_NEWS=5184&GTemplate=default.jsp

newsletter 2015